La Madonna della Notte

SanBonico provincia di Piacenza

 

581° incontro 27 agosto 2015

La Madonna appare, bellissima, dal cielo, come sempre, nella grande luce con le mani giunte, con i 3 soliti angeli vicino, si abbassa sul campo, allarga le mani e dice:

“Figlioli, continuate a pregare, anche stasera scendo in mezzo a voi e vi chiedo un sacrificio grosso, inginocchiatevi figlioli, inginocchiatevi e pregate.”

Celeste si inginocchia, poi si alza in piedi, alza le mani al cielo, fa due passi in avanti, poi barcollando ne fa due indietro e cade tenendo la mano destra socchiusa nella quale noi tutti presenti vediamo un’ostia rotta in 3 pezzi, due più grandi e un frammento, lui ripetendo “Amen” tenta di portarsela alla bocca, ma faticando, viene aiutato a mangiarla. Subito dopo Celeste si abbandona a terra e parla privatamente con la Madonna per alcuni secondi, poi si alza e la Madonna gli dice:
“Ti devi inginocchiare. Continuate a pregare figlioli, continuate, vi prego.” Celeste si inginocchia e vede Maria che scende in mezzo a noi, mentre i 3 soliti angeli restano in alto, poi tutti scompaiono ai suoi occhi. Alla fine della preghiera, la Madonna riappare a Celeste con i 3 soliti angeli sopra a tutti noi, allarga le mani e dice:

“Figli Miei, lo sapete che non vi abbandono, sono sempre qua con voi e come vi avevo promesso è arrivato il Corpo di Cristo, tutto dal cielo arriva, tutto. Vi raccomando, non abbiate mai paura, mai e pregate, pregate tanto, pregate sempre il Signore figlioli perché Lui vi guida sempre.
Vi benedico tutti nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.”

La Madonna benedice, chiude le mani, sale nella luce seguita dai 3 soliti angeli e scompare. Celeste riferisce che dopo che la Madonna all’inizio gli ha parlato chiedendogli di inginocchiarsi, si è alzato in piedi chiamato da Maria, ha visto un lampo uscire dalla Sua luce e un’ostia cadere verso di lui mentre la Madonna gli diceva: “Ecco il corpo di Cristo.”
Celeste ricorda di avere sentito un forte calore alla mano, un senso di pace e il desiderio di mangiare l’ostia.

 
 

Servizio TV ostia appare nel palmo del veggente 13 gennaio 2013

Teleducato ci mette a disposizione il servizio TV dedicato a SanBonico dopo l’apparizione dell’ostia nel palmo della mano sinistra del veggente. 

 
Altri,Ostia admin Comments off
 

442° incontro 27 dicembre 2012

Celeste vede arrivare la grande luce che scende sul campo, lui si avvicina e subito gli appare la Madonna, bellissima, con i 3 soliti angeli vicino che lo invita ad allungare le mani per toccarLa.
Celeste che teneva con la mano destra una corona e la mano del signor Angelo e con la mano sinistra stringeva la mano della signora Giuliana, lascia andare tutti e allunga le mani, la Madonna lo tocca e lui sente come una scossa e un dolore fortissimo nella mano e nel braccio sinistro e cade immediatamente a terra lamentandosi per il dolore.

Quando riapre la mano sinistra le persone presenti vedono nella mano un’ostia e come una piccola ferita che sembra contenere del sangue coagulato che si rimargina subito. Celeste si lamenta del dolore e chiude la mano, quando la riapre l’ostia è leggermente rotta e il pezzetto è caduto per terra.
Alberto di Fontanellato lo raccoglie e lo mangia subito. Celeste chiama Don Armando che benedice l’ostia, poi, subito dopo, la Madonna riappare a Celeste e gli dice:

“Figliolo, non avere paura ti prego. Ti ho portato il corpo di Cristo, te L’ho portato qua, davanti a tutti. Ti raccomando, danne un pezzettino al prete che ha avuto una conversione enorme e l’altro decidi tu di quello che vuoi farne, ma fallo subito ti prego. Vi raccomando figlioli, pregate tanto, il corpo di Cristo è sempre vicino a voi.
Pregate figlioli, pregate, sarete circondati da tanti angeli. Io salirò in un mondo diverso dal vostro, in una vita bellissima dove tutti Mi raggiungerete. Vi raccomando figlioli, pregate, pregate tanto. Fai quello che ti ho detto, ti prego.
Vi benedico tutti nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.”

La Madonna benedice, sale nella luce con i 3 angeli e scompare. Celeste dà un pezzetto dell’ostia a Don Armando e il rimanente a Laura, sua moglie. Mentre finiamo la recita del Santo Rosario, Celeste vede sopra a noi tanti angeli per diversi minuti, poi tutti scompaiono.